S.SOFIA – S.ASSUINA – SANTA SUIA

Il 6 di questo mese sul giornale veniva riportato che ad Assemini si stanno effettuando dei lavori di restauro nella chiesetta di S.Giovanni, monumento unico  di arte bizantina,  non solo in Sardegna ma nell’intero bacino del Mediterraneo. Sono custodite all’interno testimonianze epigrafiche in greco che menzionano i più antichi arconti-giudici-re Torcotorio, della moglie Gestite e di Nispella: l’epigrafe dice “Signore soccorri al servo Torchitorio arconte di Sardegna e alla tua serva Geti”. Nel Museo Archeologico di Cagliari si conservano due listelli di marmo provenienti dalla distrutta chiesa bizantina di S.SOFIA  in agro di Decimoputzu su cui è riportata la segunte invocazione:listelli di marmo

“SIGNORE SOCCORRI AI TUOI SERVITORI TORCHITORIO REGIO PROTOSPATARIO E SALUSIO NOBILISSIMI ARCONTI. AMEN. RICORDATI SIGNORE ANCHE DEL TUO SERVO ORTZOCOR”listelli di marmo

Nel secondo listello si rivolge una preghiera al Signore affinchè si ricordi di Unuspete e Soreka due personaggi appartenti probabilmente alla nobiltà bizantina. Il primo listello della prima foto è da abbinare al primo listello della seconda foto ( Ugas parla di restituzione dell’iscrizione), mentre il secondo listello della prima foto è da abbinare al secondo listello della seconda foto (anche qui il secondo listello è la restituzione dell’iscrizione). Sono evidenti le similitudini delle iscrizioni di S.Giovanni e S.Sofia (S.Suia-S.Assuina) e ad abbondanza anche di un’altra chiesa di S.Antioco che dice: “Signore soccorri ai tuoi servi Torchitorio protospatario e Salusio arconte e anche Signore a Sinispella”.Ultima curiosità: ci sono autori che asseriscono che la chiesa di S.Sofia è in territorio di Villasor ma, in altra parte, il più accanito sostiene che la chiesa fu distrutta nel 1782 in quanto profanata. I materiali di risulta,  pietre e legname,  furono utilizzati per costruire il Montegranatico

 

 

 

Resti di costruzioni venuti alla luce

arando nei pressi de

Sa Mitza Santa Assuina.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pezzi di storia di S. Assuina.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Tratto dalla prima pagina delle “ Respuestas ” del questionario ” Los  interrogatorios ”  ( in attesa di traduzione )

 

 

 

 

Le stesse domande, con le risposte ( respuestas ) date dal Parroco Paolo Matta, sorrese,della parrocchia di Villasor il 30 gennaio 1778,( non parla di S. Sofia )

 

 

Informazioni su giancollu