rovine di S.Sede

piccolissima parte delle rovine di questa chiesa distrutta: conci calcarei squadrati giacciono numerosi (in alcuni si notano tracce di incisioni e scritte) pezzi di tegole e pietre da costruzione. Ma cosa hanno a che fare le prime due chiese con quest’ultima? eccovi la ragione. Sono site nel territorio di Decimoputzu (e non di Villasor o Decimomannu) due chiese scomparse: S.Maria de su Templu o di Gippi jossu e S.Sede (S.Severa?)  a pochissima distanza l’una dall’altra. Mentre dell’ultima si possono ancora trovare numerose e importanti macerie, di S.Maria de su Templu, che io sappia, si sono perse le tracce: potenza di Filippo il Bello e Clemente V  giunta fino in Campidano…Si perchè le chiese erano passate nei secoli XII e XIII ai Templari (il nome lo proverebbe). La leggenda che i nostri nonni ci raccontano è che i siti siano stati abbandonati perchè un insetto, musca baccedda o argia (?)  avesse decimato gli abitanti del sito costringendo i superstiti a traslocare a Decimopupuso-S.Giorgio. Le due chiese facevano parte del sistema di chiese attorno allo stagno di S.Gilla-S.Igia in mano ai Pisani dalla cui parte stavano i Templari . Da notare che nel nostro territorio secondo Terrosu Asole esistono ben 10 toponimi che richiamano santi i cui fabbricati sono andati in maggioranza distrutti. Detronizzato il potere Templare negli anni 1307-1314, gli aragonesi, trovando campo libero e  in forza della concessione di Bonifacio VIII del 1296, sbarcano nel 1323 alla conquisa della Sardegna…. 

Tags:

Informazioni su giancollu