NOTIZIE E TESTIMONIANZE STORICHE DELLE CHIESE DI DECIMOPUTZU

Chiesa Madonna delle Grazie
NOTIZIE  E  TESTIMONIANZE  STORICHE  DELLE  CHIESE  DI  DECIMOPUTZU

Nell’inventario delle rendite della mensa arcivescovile di Cagliari, stese nel 1365, figurano esistenti nel territorio di Decimoputzu le seguenti chiese:

Chiesa di S. Pietro Apostolo
Chiesa di S. Giorgio Martire
Chiesa di S. Giusta
Chiesa di S. Sofia
Chiesa di S. Basilio Magno
Chiesa di S. Michele di Ispidu
Chiesa di S. Pietro di  Palmas
Chiesa di S. Cromazio di Villa Itzu

CHIESA  DI  S:  PIETRO  APOSTOLO  –  NOSTRA  SIGNORA  DELLE  GRAZIE

Fra la prima chiesa parrocchiale del paese, eretta alla fine del XII° sec.   A giudicare dal tempo della costruzione e dagli scarsi frammenti ancora esistenti incorporati nei muri perimetrali dell’attuale chiesa, doveva essere in stile romanico pisano.
Nell’interno viene murata un’iscrizione sepolcrale che recava la data del 1270.
Poiché la chiesa sarà stata costruita almeno settanta anni prima, la sua origine era quindi da riportare almeno alla fine del XII° sec.
Fra il 1550 ed il 1600, per ragioni a noi ignote, la chiesa di S. Pietro fu demolita e nella sua area fu costruita la nuova chiesa parrocchiale attuale e che fu consacrata con il nuovo titolo di N. S. delle Grazie.  La parrocchia di Decimoputzu figura già nel sec. XIV. Si ricorda infatti il rev.  Giov.  De  Turnu  rettore della chiesa di Decimo Pupus ( Sella n° 512 ).
Del 1632 esiste un calice fatto fare dal Sac. Michele SI…
Del 1660 è una campana che porta la dicitura   Ave Maria gracia plena.
Altra campana è del 1756 e porta quest’altra scritta : I H S ( il monogramma del nome di Gesù, come lo usava San Bernardino da Siena) et noviter fondat Anno Domini 1756. La fece fare il Can. Giuseppe de Vila , prebendato del luogo; porta la figura della Immacolata sul cui capo figura una corona di stelle, ed una croce.
La campana grande rappresenta la Madonna col bambino Gesù e, alla destra, il santo rosario: è riprodotta due volte e nel mezzo figura un crocifisso. La iscrizione è di questo tenore:
Maccioni  Parocho  1860. Uni  trinoque  Deo  et  gratiarum  Matri  gloria. ( in italiano   A Dio uno e trino e alla Madre delle grazie gloria )
Campane Decimoputzu

 

Benvenuto a Don Gian Marco, carico di entusiasmo e…meda passienzia

Informazioni su piriccu