ANCORA DE ZIU CRALLIU…

    In Cida Santa voglio ancora ricordare ziu Cralliu Bellu che come tutti i poeti traeva spunto dalla Passione per introdurre i suoi argomenti. Già ad aprile del 2010 furono pubblicati  muttutus suoi ispirati agli avvenimenti della Settimana Santa. Anche in una canzone "Po una picciocca chi ingannada su sposu ind'unu giardinu" il richiamo a Bibbia, Passione, storia e altro è costante. La canzone è composta da 15 strofe di nove versi ciascuna: le prime si dilungano nel presentare l'amore per questa ragazza dai tanti meriti:

Po si celebrai missa in sa cappella
e di deppi ponni s'aneddu di oru
de sa vista mia ses brillanti stella
e d'ogna diri columba t'adoru
tui ses simpatica graziosa e bella
tottu is atras cosas po tui ignoru
in su miu coru bella ses cumpatta
che Elena de Sparta prena de bellesa
cun vera giustesa si deppeus amai

                                   e così via per altre tre o quattro strofe. Poi inizia la tresca con l'ortolano:

M'ha deppiu incantai candu t'appu bistu
subitu su coru m'iasta palpitau
as fattu cumenti Giudasa po Cristu
in tradizioni d'iada basau
eccu chi su coru torrau m'è tristu
ma tui columba m'asi ingannau
cun s'atru ortulanu ti da intendiasta
a mei mi bolliada pigai po fessu
in cuddu interessu solu a m'ingannai

                                    e segue il tentativo di riconciliazione:

A ti perdonai che sa Maddalena
chi de Cristu iada tentu su condonu
tui has fattu mali in sa vida terrena
e po cantu bivu deu no ti perdonu
is lagrimas tuas non mi fainti pena
ca po tui femmu sinzillu e bonu
deu non collionu a chini esti giusta
de amor'infusta chi benidi de mei
gosada su prescei chi ad'aspirai

                                     ed infine la morale della storia finita male:

A tottu is piccioccus donu avvertimentu
chi castinti prima cun chi fastiggiai
ca sa vida de sposu non es divertimentu
de cumenti medas anti deppiu nai
deu appu bistu mannu iscramentu
po cantu app'a bivi m'ad'arregordai
no deppis ciccai femmia in logu de festa
si d'olis onesta poni immenti a mei
ca coia a prescei non ndi podis fai!

                (LA CANZONE E' DEL 13/10/1955)

                                     e forse aveva ragione visto l'aumento vertiginoso dei divorzi e separazioni: si sono conosciuti tutti in discoteca…….  

Informazioni su giancollu